GIANNI TONELLI

COMUNICATO STAMPA CARCERE SULMONA IN ABRUZZO,AGGRESSIONE CONTRO POLIZIA PENITENZIARIA FS-Co.S.P. MASTRULLI” Siamo poliziotti non carne da macello per galeotti”

COMUNICATO STAMPA

                  CARCERE SULMONA IN ABRUZZO,AGGRESSIONE CONTRO POLIZIA PENITENZIARIA                                                      FS-Co.S.P. MASTRULLI” Siamo poliziotti non carne da macello per galeotti”

FS-COSP –  Siamo alle solite, Poliziotti  che diventano carne da macello per galeotti, è quanto spiacevolmente se non tristemente e  dolorosamente ci  accade costantemente, giornalmente nelle 190 Strutture Penitenziarie Italiane con i circa 55.000 detenuti dove le aggressioni hanno superato le 4.000 unità di feriti tra le forze dell’ordine in regime sicurezza penitenziaria.

Colpa di tutto questo è anche della Vigilanza dinamica e celle aperte nella intera giornata sia nei reparti a regime ordinario che,come adesso risaputo anche nelle 13 strutture Penitenziarie ad alta sicurezza e dove tutti sanno ma nessuno ricorda che ai detenuti forse, si è dato tanto e troppo rispetto a certezza della pena e regolamenti ordina mentali penitenziari di rigore.

Ci risiamo – commenta Domenico Mastrulli leader del COSP – un  agente,un altro agente  di polizia penitenziaria è stato aggredito ieri  pomeriggio durante il proprio turno di servizio nei reparti detentivi del penitenziario di Sulmona da un detenuto collaboratore di giustizia.                                                                              Il detenuto  aggressore di età anagrafica di 29 anni, è stato colto in flagrante mentre rubava delle medicine durante la somministrazione di una terapia,questo rilievo,legittimo da parte del Poliziotto ha fatto scatenare l’ira funesta e oltre ogni limite del recluso contro il poliziotto reo di aver applicato le norme del regolamento. Il COSP propone una ricompensa eccezionale avanzamento di grado a tutti gli Agenti feriti in servizio quali “vittime del dovere”,proposta da Mastrulli avanzata in Commissione Affari Costituzionali del Senato della Repubblica nella scorsa audizione a Roma .

Il Recluso violento,una volta bloccato dagli Agenti di reparto ha dato in escandescenza aggredendoli e accanendosi in particolare con un Agente di 27 anni intervenuto con professionalità per evitare che la situazione degenerasse. Lo stesso Agente è stato poi trasportato in pronto soccorso per ricevere le cure del caso anche se le sue condizioni non sono a rischio.

Al detenuto invece, con molta probabilità, verrà disposto  un TSO per un ricovero coatto in quanto anche in passato aveva avuto reazioni violente nei confronti degli agenti,un triste numerico atteggiamento che se applicata,cosa che non sembra sia stata fatta,la lettera circolare del dipartimento nella precedente aggressione sarebbe già stato trasferito,cosa non accaduta per dirette responsabilità di chi gestisce  su piani superiori gerarchici regionali la situazione delle Carceri di Abruzzo,Molise e Lazio da tempo sotto i riflettori del Sindacato per una serie di omissioni sindacali e  di dialogo mai offerto alla FS-Co.S.P. che a Sulmona rappresenta una delle prime numeriche sigle sindacali più suffragate.

Preoccupazione viene anche da sempre per la sicurezza dei luoghi di lavoro e la tutela dei colleghi Poliziotti, esternata dal Segretario Regionale  LATINI che  lo scorso 12 Giugno ha partecipato come FS-COSP unitariamente alle restanti Sigle all’Assemblea Generale sul piazzale esterno al carcere Sulmonese per le criticità, i disappunti contrattuali e  la grave carenza di personale circa 80 unità che mancherebbero per la sicurezza penitenziaria in loco.

La Segreteria Generale Nazionale FS-COSP Comparto Sicurezza e Difesa, ha inviato nello stesso pomeriggio di ieri collegandosi all’evento critico, un messaggio all’Amico  Parlamentare e Segretario generale del Sindacato di Polizia di Stato Deputato Lega Nord – dottor   GIANNI TONELLI,finalizzato  ad  un incontro con tutto il personale di polizia e civili riuniti in assemblea congiunta a Sulmona sulle attività di rivendicazione che si intenderanno mettere in campo. Dal Ministero e dal provveditorato,questa volta nessuna telefonata di solidarietà sembra essere giunta al poliziotto aggredito,sarà terminato il credito nella scheda di servizio se lo chiede il COSP. Solidarietà,vicinanza del COSP ai poliziotti feriti viene espressa dal Segretario Generale Mastrulli  e dal Regionale LATINI.                           Ufficio Stampa Nazionale FS-COSP                                                                                                            Domenico MASTRULLI 3355435878

cs nuova aggressione nel carcere di sulmona in abruzzo,FS-COSP promuovere iniziative vititme del dovere per poliziotit feriti

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *