alto_rischio

FS-CO.S.P. denuncia: Sequestro di persona Assistente Capo della Polizia Penitenziaria da pare di un detenuto di colore che anche sfasciato ogni bene dell’amministrazione e suppellettili Repartino Infermeria del Carcere di BARCELLONA. Liberato con una immediata professionale azione di forza della Polizia penitenziaria l’Assistente Capo M.C., sta bene. Solidarietà della FS-COSP e vicinanza al poliziotto.

FS-CO.S.P.  denuncia: Sequestro di persona Assistente Capo della  Polizia Penitenziaria da pare di un detenuto di colore che anche  sfasciato ogni bene dell’amministrazione e suppellettili Repartino Infermeria  del  Carcere di BARCELLONA. Liberato con una immediata professionale azione di forza della Polizia penitenziaria l’Assistente Capo sta bene.                                                                                            Solidarietà della FS-COSP  e vicinanza al poliziotto.

FS-COSP- Ci risiamo, notizia di pochi minuti fa che questa mattina un detenuto di colore ristretto all’ottavo(8) Reparto quello destinato ai psichiatrici con una azione fulminea a sequestrato rinchiudendosi nella propria cella un Assistente Capo della POLIZIA PENITENZIARIA di servizio in quel reparto,poi immediatamente liberato dai propri Colleghi con una tempestiva fulminea azione di pronto intervento .

Nel dettaglio : presso la casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto in data odierna un detenuto di colore ristretto presso l’8 reparto 1°p é andato in escandescenze  per futili motivi devastando tutta l’infermeria e sequestrando il collega di servizio al 1°p. dell’8 reparto A.T.S.M. Articolazione tutela salute mentale, si è dovuto ricorrere al flex per togliere una manetta dal polso in quanto bloccata,il Poliziotto sequestrato e poi liberato M.S. anche se ancora sotto tensione, starebbe  comunque bene.

Ma ulteriori fonti segnalano che lo stesso detenuto avrebbe saccheggiato  e sfasciato ogni bene dell’amministrazione e dei sanitari,una infermeria totalmente distrutta tanto che Medici e Infermieri sono dovuti fuggire per non rimanere anch’essi ostaggi del galeotto.

I galeotti che oramai non mostrano più alcun freno alle violenze,alle richieste anche assurde aggredendo,bruciando e saccheggiando i beni dell’Amministrazione e ferendo i Tutori della Sicurezza e dell’Ordine in un Carcere dove sembra non essere più,terra di nessuno.

Sempre a Barcellona,un carcere che lo si ricorda con oltre 200/230 detenuti di cui 70/75 psichiatrici in trattamento farmacologico ,questa  mattinata  nell’VIII°  reparto,lo stesso Reparto delle continue violenze e delle evasioni  accadute nel 2019,un settore  ove ci sono reclusi dichiarati  soggetti sottoposti ad un regime  psichiatrico  dell’articolazione Salute Mentale  (A.T.S.M

. Interessante,come FS-COSP appare comprendere,per la tutela dei nostri Associati poliziotti penitenziari oramai allo stremo delle loro forze e non certamente i recenti ultimi  11 nuovi arrivi potranno migliorare un Carcere a pezzi come i nervi di chi vigila e assicura turni da 8 e 12 ore continuative con due, tre, quattro e cinque posti di servizio contemporaneamente e con diritti sindacali a volte anche negati, chiedersi: “   cosa sta accadendo nella Struttura penitenziaria di Barcellona dove dalle segnalazioni, dagli eventi,dalle criticità si raccoglie  un clima di totale diffuso malcontento sia dei dipendenti che dell’utenza stessa, questa è al richiesta che si  formula al Ministro della Giustizia,al capo del Dipartimento e al Direttore Generale del  Personale e delle Risorse di Roma.

Mastrulli: “insistiamo sull’avvicendamento del Comando di Reparto e contestuale affidamento Sicurezza al Reparto Speciale del G.O.M.(GRUPPO OPERATIVO MOBILE) POLIZIA PENITENZIARIA ROMA.

UFFICIO STAMPA NAZIONALE FS-COSP                                                                                                        MASTRULLI 3355435878

CS CARCERE DI BARCELLONA ANCORA VIOLENZE CON SEQUESTRO DEL POLIZIOTTO POI SUBITO DAI COLLEGHI LIBERATO . FS-COSP, SERVE ORDINE E DISCIPLINA INVIARE IL GOM GRUPPO OPERATIVO MOBILE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *