SICILIANEC

CS Regione Penitenziaria e Carceri esiti, riflessioni e proposte di Domenico MASTRULLI dopo il Tour Sindacale nelle prigioni Siciliane effettuata con la propria Delegazione Nazionale e Regionale dell’Isola.

COMUNICATO  STAMPA

                                                                                                                                             Agli organi di Informazioni e Capo redattori TV

                                                                                                                                             Trani –  Domenica 20 Ottobre 2019                                 Regione Penitenziaria e Carceri esiti, riflessioni e proposte  di  Domenico MASTRULLI dopo il Tour Sindacale nelle prigioni Siciliane  effettuata con la propria Delegazione Nazionale e Regionale dell’Isola.

 

FS-COSP sono state visitate dal 16 a tutto il 18 ottobre,in solo tre giorni, circa 12 Strutture Adulti e Minori della regione Sicilia,tra cui  Scuola di Formazione per Polizia  e Uffici dell’Amministrazione Penitenziaria con una chiusura del Tour  che si è conclusa presso l’Ufficio del Dirigente Generale dottoressa CINZIA CALANDRINO Provveditore Regionale delle oltre  35 strutture carcerarie,della Polizia Penitenziaria e del personale delle Funzioni Centrali  e uffici della Regione Sicilia.

Mastrulli – devastante quello che abbiamo riscontrato in questi giorni  nelle Carceri e negli Uffici dell’Amministrazione Penitenziaria della Sicilia,una parte della Sicilia,  dove mancano Direttori e Comandanti di Reparto e dove un dirigente penitenziario copre due, tre  sedi penitenziarie,difficili a volte nelle sedi penitenziarie dove si gestiscono “vite umane” e risorse economiche  dello Stato, come l’attuale direttore IPM di Catania, ma anche il Direttore di Giarre e  Catania, stessa situazione se non peggio ancora quella di BARCELLONA POZZO DI GOTTO dove non abbiamo avuto il piacere di poter conoscere o essere ricevuti dal Direttore  o dal Comandante di reparto, entrambi in quella giornata, contrariamente alle Lettere Circolari che disciplinano l’assenza contemporanea dal servizio dei Dirigenti e Funzionari, Autorità in quella giornata 17.10.2019 fisicamente assenti, come dire, per il Sindacato  sulle criticità e le drammaticità Barcellonesi, interrogato il morto(rappresentanti dell’amministrazione),il morto non risponde( totalmente assenti).

Nelle Carceri della Sicilia una diffusa azione di disconoscimento delle  Relazioni Sindacali, a chi doppia e tripla bacheca spazio pubblicistico come abbiamo appurato a Giarre e chi neanche lo spazio per un foglio di carta pubblicistico,neanche la locandina dell’assemblea era stata affissa,niente di niente  nei riscontri ma finanche nella cordialità e ospitalità che si dovrebbe in genere alle Delegazioni Sindacali che siano numericamente rappresentative o meno sul piano nazionale sebbene affermate ai sensi dell’articolo 39  della Costituzione Italiana,insomma regna anarchia in alcune strutture dovute proprio all’assenza dei titolari dirigenziali

FS-COSP – Una drammatica situazione che la Dottoressa Cinzia CALANDRINO Dirigente Generale da poco tempo giunta da Roma a Palermo per assumere la titolarità delle Carceri Sicule, si confronta  nella quotidianità ,  non è messa nelle ottimali condizioni di gestione Risorse umane, tecnologiche ed economiche in ambito regionale dove invero emerge un surplus detentivo spaventoso riscontrato in molte Carceri della Regione di controparte, emerge anche una grave carenza di polizia penitenziaria pari a 1.800 unità , che per singolo istituto a seconda la Dotazione Organica Ministeriale appare essere di  50/90 uomini come TRAPANI, MESSINA, BARCELLONA P.G., CATANIA BICOCCA, PALERMO UCCIARDONE, AGRIGENTO, SFAP CATANIA CLARENZA, TERMINI IMERESI, IPM CATANIA E DI PALERMO, per non parlare della carenza di dirigenti dal Dipartimento mai assegnati alla Regione Sicilia nonostante le avviate e sollecitate procedure di interpello nazionale e  prerogative  Dipartimentali, Funzionari del Ruolo Direttivo(Commissari) pochi,quasi  come le mosche bianche scolorite dall’abbandono degli uffici Centrali dipartimentali tanto che lo stesso provveditore Regionale si trova impossibilitata ad intervenire o  sanare,difficili persistenti  criticità e situazioni al limite come quella di Barcellona P.G. per tutti gli  innumerevoli eventi critici verificatesi nei mesi quali aggressioni,violenze,incendio nel reparto VIII del carcere,tentativi di evasioni ed evasioni consumate, l’ultima a poche ore dalla visita della FS-COSP,dove è stata diffusa una duplice aggressione di cui si sconoscono i particolari, insomma siamo alla quasi paralisi ed il Dipartimento  di Roma,il Ministro Alfonso Bonafede Siciliano di nascita, non interviene ancora oggi o, se interviene,lo fa a gocce di collirio negli occhi di chi la cecità è cronica.

Nel giro di visite, possiamo certamente senza indugio, apprezzare lo sforzo della nuova Amministrazione (Direzione e Comando di reparto) del Carcere Messinese di Gaza e la cordialità di accoglienza, pur rimanendo un punto oscuro sul Coordinamento e Comando dell’NTP Provinciale che dipende dall’UST PALERMO,  come non deve sfuggire la massima attenzione e la grande ospitalità nelle relazioni Sindacali mostrate dal Direttore del carcere di TRAPANI dottoressa Teresa Monachini e del Suo Comandante di Reparto che ha atteso l’ingresso della Delegazione Nazionale offrendo ampi spazi di cordiale scambio di riflessioni sulle condizioni della struttura,del benessere del personale e delle attività tratta mentali in corso,ciò che non si può dire delle restanti distanti amministrazioni che più che distanti,distratte dalle norme Costituzionali,dallo Statuto dei lavoratori e dalle leggi vigenti sugli accordi contrattuali che appaiono congelate all’anno zero.

Mastrulli,- conclude – ho assunto precisi inequivocabili impegni con l’Autorità Regionale del PRAP  dottoressa Calandrino, impegni che ci sono apparsi condivisi,  sulla Dirigenza e sui Funzionari, sulla mancanza di personale di polizia e delle Funzioni centrali in Sicilia, come sulle Relazioni Sindacali,costruiremo insieme se ci sarà data possibilità,percorsi migliori e qualità della vita o benessere che possano rigenerare le statiche distruttive attività sindacali nella regione Sicilia,ci siamo lasciati con la dottoressa Calandrino e  con la Dirigente dell’Ufficio delle Relazioni Sindacali in un positivo e costruttivo nuovo iter sindacale, impegno che intendo confermare e mantenere,senza dimenticare che BARCELLONA merita priorità e discontinuità all’attuale situazione.

 

Ufficio Stampa Nazionale Federazione Sindacale Co.S.P.

MASTRULLI

Recapito contatto : 3355435878

CS ESITI,RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLA FS-COSP DOPO AL VISITA NELL’ISOLA DI SICILIA DELLE CARCERI E UFFICI PENITENZIARI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *