sigaretta

CARCERE DI BARCELLONA 8^ reparto, ispettore della Polizia penitenziria bruciato con sigaretta accesa su braccio da detenuto riportando bolle a causa del fuoco.

COMUNICATO STAMPA

Con preghiera di diffusione

Mercoledì 27 Settembre 2019

 

CS –  CONTINUANO LE AGGRESSIONI CONTRO POLIZIOTTI NELLE CARCERI DELLA  SICILIA, TRA I PRIMATI, SPUNTA SEMPRE EX OPG ATTUALE CASA CIRCONDARIALE DI  BARCELLONA P.G. IN NEGATIVO. INQ UELAL SEDE, L’ULTIMO EPISODIO CRITICO CONTRO LA POLIZIA PENITENZIARIA NELLE PRIME ORE DELLA GIORNATA DI IERI(26.09.2019)  SEMPRE ALL’VIII  REPARTO EX OPG PSICHIATRICO UN ISPETTORE DLE CORPO  AGGREDITO CON UNA SIGARETTA ACCESA E’ STROFINATA SUL BRACCIO TANTO DA RICORRERE ALLE CURE MEDICHE.

 

SAREBBE SUCCESSO IERI MATTINA NEL TURNO 8/16 QUANDO L’ISPETTORE DEL REPARTO ACCORSO IN SOCCORSO DEGLI AGENTI DELL’VIII REPARTO PER IL CONTENIMENTO DI DETENUTI CHE CERAVANO DISORDINE E SOBILLAVANO LA SEZIONE, GIUNTO SUL POSTO  IL RECLUSO ESAGITATO AVVENTANDOSI SULL’ISPETTORE GLI HA STROFINATO CON FORZA LA PROPRIA SIGARETTA ACCESA SUL BRACCIO DA PROCURANDOGLI DELLE VISTOSE BOLLE DA FUOCO TANTO DA DOVER FARE RICORSO ALLE CURE DEL SANITARIO DI TURNO.

MASTRULLI – CI RISIAMO,SEMBRA UNA SEQUENZA DELITTUOSA SENZA FINE DOVE I PROTAGONISTI SONO GALEOTTI E LE VITTIME I TUTORI DELL’ORDINE,UN REPARTO,SEMPRE LO STESSOP CHE NEL RECENTE TRASCORSO HA VISSUTO,COME IN UN FILM, INCENDI, FIAMME,FUMO,EVASIONI E TENTATIVI DI EVASIONI CON UN NUMERO TROPPO ALTI DI FERITI,AGENTI  CHE HANNO DOVUTO FARE RICORSO ALLE CURE MEDICHE DEL NOSOCOMIO CITTADINO NON 1,2,3,4,5,6 MA DECINE DI CASI CHE HA SCOSSO IL MONDO DEL SINDACATO COME LA FEDERAZIONE SINDACALE CO.S.P. COORDINAMENTO SINDACALE PENITENZIARIO CHE NE CONTINUA A DENUNCIARE L’ANOMALA GESTIONE E L’ORGANIZZAIZONE INTERNA DA RICHIEDERE PIU’ VOLTE L’AVVICENDAMENTO DEL VERTICE DELLA SICUREZZA,UNA CHIAMATA CHE ANCORA UNA VOLTA CI SENTIAMO DI RIBADIRE NEL PRESENTE COMUNICATO STAMPA.

IN ITALIA  I DETENUTI SONO 61.000 CONTRO LE 54.000 DISPONIBILITA’ DI POSTO LETTO, GLIA GENTI SONO 34.000 CONTRO IL D.M. 2001 DI 46.000 MANCANO 12.000 AGENTI, IN SICILIA MANCANO 900 AGENTI E I TURNI SONO PROGFRAMMATI DA 8,12,15 ORE, ANMMONTEREBBERO  A  2.800 LE PERSONE(POLIZIOTTTI,OPERATORI E MEDICI)  FERITI  MA TRA GLI ISTITUTI PIU’ ESAGITATI E VISTOSAMENTE ALL’ATTENZIONE DELLA STAMPA E DEL VERTICE CENTRALE DEL DIPARTIMENTO, GUARDA CASO, SPUNTEREBBE ALLA SALA SITUAZIONE DI LARGO LUIGI DAGA ROMA  LA SEDE DI BARCELLONA NEL MESSINESE, UNA REALTA’ CHE DOVREBBE RIACQUISTARE SERENITA’ IN UN CAMBIO GENERAZIONALE DI CHI DEVE ASSICURARE SERENITA’ OPERATIVA AI SUOI UOMINI E ALLE SUE DONNE IN SERVIZIO MA CHE INVERO STENTA A COMPRENDERLO.

 

LA SEDE DI BARCELLONA,CON L’IMMINENTE AVVICENDAMENTO PER MOBILITA’ NAZIONALE DELL’ATTUALE DIRETTORE VERSO QUELLA DI ROVIGO, AVREBBE NECESSITA’ DELLA RPESENZA DI UN DIRIGENTE NON DI RUOLO GENERALE CHE CONOSCA,AGGIUNGO, A FONDO TALE REALTA’ E CHE NEL TRASCORSO DEGLI ANNI HA SEMPRE,NELLA LEGALITA’ ORDINAMENTALE E GIURIDICA CANALIZZATO UN SISTEMA DOVE LGI EVENTI CRITICI SI CONTAVANO SULLE DITA DI UNA MANO MA NEL CORSO DEGLI ANNI E NON COME AVVIENE DA QUALCHE TEMPO,GIORNALMENTE QUASI.

 

MANCANO CIRCA 60 UNITA’ DEL RUOLO AGENTI/ASSISTENTI, MANCA UN FUNZIONARIO DEL RUOLO DIRETTIVO CHE ORGANIZZI,PROGRAMMI,PIANIFICHI E DIFENDA IL PROPRIO PERSONALE COME FACEVANO GLI STORICI COMANDANTI DI REPARTO,ANCHE SE QUALCUNO CON LA 3 MEDIA,MA CON UN CUORE GRANDE ED UNA ABILITA’ STRATEGICO MILITARE CHE SOLO GLI EX AGENTI DI CUSTODIA CUSTODIVANO.

MASTRULLI – AUSPICHIAMO UN INTERVENTO DELL’ATTUALE VERTICE REGIONALE DELLA SICILIA DA POCO TEMPO GIUNTA SULL’ISOLA DALLA CAPITALE ROMANA,AUSPICHIAMO CHE TALE DIRIGENZA GENERALE METTA DA PARTE EVENTUALI OSTACOLI E AFFIDI TALE PENITENZIARIO A PERSONE DI LUNGO PERCORSO PENITENZIARIO E DI MEDICINA PENITENZIARIA.

IL REPARTO VIII CHE RAGGRUPPA CIRCA 70/80 DETENUTI PSICHIATRICI SOTTOPOSTI A TERAPIA DI MEDICINA PENITENZIARIA E NON DI MEDICINA SPECIALISTICA DA OPG,   HA NECESSITA’ DI UN TOTALE ABBATTIMENTO DEL REGIME CARCERARIO E UNA RIPROPOSIZIONE DI DEGENZA, PERCHE’ DI QUESTO SI DEVE PARLARE E NON DI RECLUSORIO IN UN CARCERE DA GESTIRE PRESSO LE RESM DELLA REGIONE SICILIA,IL FALLIMENTO DELLA RIFORMA SUGLI EX OPG DEL 2008  E’ SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI MA I NEGATIVI RISULTATI SONO ANCHE VISIBILI SULLA POVERA PELLE DELL’ANELLO PIU’ DEBOLE DELLA CATENA,PERSONALE E POLIZIOTTI PER QUELLO CHE GIORNALMENTE SUBISCONO.

 

La FS-COSP non   esclude un autunno caldo sindacale in assenza di iniziative e risolutivi interventi,l’ultima manifestazione il 10 luglio scorso a Piazza Montecitorio Roma sotto il parlamento eravamo in seicento(600).

UFFICIO STAMPA NAZIONALE FS-COSP

MASTRULLI 3355435878

CS BARCELLONA ANCORA ATTI DI VIOLENZA CONTRO OPERATORI DI POLIZIA, PROTESTA ANCORA LA FS-COSP E CHIEDE IL CAMBIO AL VERTICE DELLA SICUIREZZA DEL CARCERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *