polizia penitenziaria torino

CS- CARCERI: IL SEGRETARIO GENERALE NAZIONALE DELLA FEDERAZIONE SINDACALE CO.S.P. IN PIEMONTE DAL 16 A TUTTO IL 18 SETTEMBRE P.V.. CRESCONO LE ADESIONI, SI ALLARGA IL CONSENSO AL NUOVO SINDACATO AUTONOMO ANCHE NEL SETTORE CONBIPEL COMMERCIO E PRIVATO,EDILIZIA E METALMECCANICI.

CS- CARCERI: IL SEGRETARIO GENERALE NAZIONALE DELLA FEDERAZIONE SINDACALE  CO.S.P.  IN  PIEMONTE DAL 16 A TUTTO IL 18 SETTEMBRE P.V..                                                        CRESCONO  LE ADESIONI,  SI ALLARGA IL CONSENSO AL NUOVO  SINDACATO AUTONOMO ANCHE NEL SETTORE CONBIPEL  COMMERCIO E PRIVATO,EDILIZIA E METALMECCANICI.

 

Gli impegni in terra Piemontese vanno rispettati  dal segretario generale nazionale del Co.S.P. Domenico Mastrulli. per questo che dal giorno  16 e  fino a tutto il giorno 18 Settembre p.v. sarà a Torino per difendere in Commissione Disciplina Regionale  dell’Amministrazione Penitenziaria un’Assistente Donna  Poliziotta Penitenziaria sottoposta ai sensi art. 4 DPR n.442/99  a procedimento disciplinare nella sede di servizio,  ma l’udienza si terrà  in CRD negli  Uffici  del PRAP sede di Torino il 17 mattina.

A difendere la  sfortunata Poliziotta sarà personalmente Domenico Mastrulli esperto nel diritto legale e difesa sindacale, al termine, la giornata proseguirà nel pomeriggio della stessa giornata  con un incontro fiume con le lavoratrici della COINBIPEL dei Magazzini di  Cocconato e quello di Asti iscritti al Sindacato COSP, un incontro fortemente voluto dalla Segretaria Provinciale COSP dei Magazzini della CONBIPEL Signora DURANTE Sonia,  operaia nella stessa Ditta Settore Commercio.

Fin  dall’arrivo lunedì 16 settembre in  Piemonte, MASTRULLI incontrerà le Delegazioni Sindacali Regionali e Provinciale della FS COSP del Comparto Sicurezza e Difesa,il Segretario Interregionale Piemonte e Liguria Giovanni  BELLOMO della sede di Biella  e il Provinciale Luigi GIALLOMBARDO  Poliziotto nei reoparti detentivi della sede Penitenziaria di Torino N.C.

I temi che saranno affrontati  la situazione igienico sanitaria delle Carceri e dei luoghi di lavoro, la grave carenza di Agenti di Polizia Penitenziaria e il sovraffollamento detentivo delle carceri Piemontesi.

Nel programma del leader MASTRULLI sono annotati  la mancanza del rinnovo CCNL scaduto ai Poliziotti il 31/12/2018, la mancata attuazione del Riordino Bis delle carriere, la  formazione,la mancanza di vestiario ed equipaggiamento, le condizioni delle Caserme e delle Mense di Servizio ma soprattutto i turni massacranti oltre le otto ore e l’eccessivo carico di lavoro che costringe la Polizia penitenziaria a non poter organizzare neanche la vita libera con le proprie famiglie. Giova altresì segnalare che non percepiscono la retribuzione delle ore straordinario eccedenti quelle normali da alcuni mesi,non percepiscono il FESI anno 2017 e 2018 e le condizioni disciplinari sono aumentate per una stringente attività repressiva. Diverse le tappe nei vari penitenziari, numerosi gli incontri e le attività di supporto legale che il Co.S.P. che saranno  attivate  attraverso  apposite mirate convenzioni sottoscritte con studi professionali Piemontesi.  Il carcere  ricorda  Mastrulli, si tratta di strutture carcerarie affette dalla cronica carenza negli organici a livello nazionale quasi 12.000 in meno rispetto alle 46.000 dell’anno  2000 oggi sono 34.000, in Piemonte mancano circa 800 unità, mancano anche Dirigenti Penitenziari sia agli Adulti che nei Minori e lavoratori delle Funzioni centrali, dal sovraffollamento e da criticità  si accenderanno i riflettori della FS-COSP  sui servizi d’istituto e più in particolare sulle attività sanitarie per ex opg nelle sedi detentive.

A seguire è previsto l’incontro con il dirigente generale del Provveditorato  da poco insediatosi in Piemonte,Liguria e Valle d’Aosta tre Regioni delicatissime ed altrettanto impegnative.  Le aggressioni in questo anno sono state  oltre 2.800 poliziotti feriti,i suicidi nella Polizia Penitenziaria, negli ultimi 20 anni sono 138 , 15  negli ultimi  3  anni,pessime le condizioni sulla qualità della vita del Comparto Sicurezza e Difesa.

Questo il commento “Serve una maggiore presenza di dirigenti e funzionari nelle carceri siciliane – aggiunge Mastrulli – ma è necessario anche personale specialistico e risorse economiche per riorganizzare il sistema detentivo in Piemonte, chiudendo penitenziari antieconomici con popolazione carceraria inferiore alle 100 unità attraverso l’accorpamento in strutture più funzionali”.

Mastrulli ritiene opportuno “chiedere al neo insediatosi  sottosegretario alla Giustizia on.  Ferraresi  la riapertura di un reparto sanitario nel quale accogliere ex opg o detenuti affetti da patologie psichiatriche con l’obiettivo di offrire maggiore tutela e sicurezza in ambito Regione Piemonte,oggi tali soggetti verrebbero custodite nelle ordinarie strutture detentive. Per la data del 18 settembre è stata inoltrata nota sindacale con richiesta di incontro con il Vertice della CONBIPEL per affrontare le situazioni delle lavoratrici associate FS-COSP che questa estate hanno lavorato in ambienti dove la temperatura avrebbe superato i limiti consentiti senza climatizzatori.

Ufficio Stampa Nazionale FS-Co.S. –

Domenico Mastrulli

3355435878       

CS VISITA DEL LEADER DELLA FS-COSP DOMENICO MASTRULLI DA LUNEDI A MERCOLEDI IN PIEMONTE,INCONTRI,DIFESA DISCIPLINARE E ASSEMBLEE LO ATTENDONO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *