oraomaipiu

1° Maggio 2019: Festa del (Non)lavoro, noi della Federazione Sindacale CO.S.P. abituati da sempre a dire la verità al popolo italiano, lo festeggiamo così!

NEWS FEDERAZIONE SINDACALE CO.S.P.
1° MAGGIO – (FESTA) DEI LAVORATORI,MA SOPRATUTTO PER QUELLI SENZA UNA OCCUPAZIONE(TANTISISMI GIOVANI E ADULTI CON FAMIGLIA DISOCCUPATI) !!
Un pensiero ai 138 suicidi nella Polizia Penitenziaria ed ai tanti lavoratori e professionisti che si sono suicidati per mancanza del lavoro O PER I TROPPI DEBITI DAL LAVORO(TASSE).

1° maggio 2019 : FEDERAZIONE SINDACALE COS.P, COORDINAMENTO SINDACALE PENITENZIARIO COMPARTO SICUREZZA E DIFESA, COMPARTO FUNZIONI CENTRALI E LOCALI, ENTI, DIRIGENZA E FUNZIONARI, SETTORE COMMERCIO E PRIVATO, EDILIZIA, METALMECCANICI ED ELETTRONICA, MINISTERI ED ENTI,DIRIGENZA E COMPARTO SICUREZZA-DIFESA lotta perché il lavoratore torni ad essere un valore essenziale da difendere ad ogn costo e ragione.

Quest’anno la ricorrenza della Festa dei Lavoratori assume una particolare valenza per quello che ricorda e per quello che oggi la categoria del Comparto Sicurezza,Difesa,Funzioni Centrali ed Enti,Commercio e Pivat,Edilizia e Metaleccanici stanno vivendo: un rinnovo contrattuale che oltre ad essere economicamente inadeguato, sta provando a cancellare i diritti dei lavoratori, quelli conquistati con la lotta e la partecipazione di massa.
Nelle Guardie Giurate del Consorzio BAT Città di Trani sono oramai quasi 8 anni senza contratto e le situazioni di criticità e disagio sono tantissime per 12 dipendenti abbandonati dalla ragione e dal mondo sindacale che ci ha preceduti.

Il 1° maggio ricorda le battaglie operaie, in particolare quelle volte alla conquista di un diritto ben preciso: l’orario di lavoro quotidiano fissato in otto ore (in Italia con il RDL n. 692/1923).

La ricorrenza di quest’anno coincide con le nostre lotte; mai come in questi mesi, la partecipazione è stata massiva e compatta ( MONTECITORIO roma 3 – 4 DICEMBRE 2014 – MONTECITORIO ROMA 27 APRILE 2017 – MONTECITORIO ROMA 13 DICEMBRE 2017,LIVORNO 3 LUGLIO 2018), ma è anche vero che mai era successo nella storia che, un contratto fosse firmato in faccia ai lavoratori che stavano manifestando a gran voce e numerosi, la loro contrarietà. Ma anche il riordino bis a chiacchiere delle carriere.

Oggi, percorrendo come sempre le corsie di una Socialità e Sicurezza al collasso, non potremo fare a meno che fare una sola riflessione: che valore dare a questo primo maggio?

Quale valore se noi come professionisti per i governi che si sono succeduti, non abbiamo più valore.

Lavoriamo allo stremo delle forze, senza risorse, senza mezzi, vittime di scellerati definanziamenti alla Sicurezza,alla Società,alla Solidaretà collettiva e alla Formazione, ormai sull’orlo di un precipizio.

Ogni giorno affrontare le trincee delle nostre unità operative è come scendere in guerra: sono in totale 2.420 gli episodi di violenza nel 2017,2018, sono 138 i suicidi negli ultimi vent’anni, frutto della rabbia crescente della popolazione, che si vede negato il Diritto al Sociale,alla Salute,alla Sicurezza e al Lavoro, con i tagli sui tagli quando tutti sanno anche chi taglia che la coperta oramai corta si è stracciata, tagli al personale, alle prestazioni profesisonali e supplementari, e dovè la sicurezza sui luoghi di Lavoro?

Abbiamo perso valore ed abbiamo perso il futuro, lo sanno bene i tanti precari della Pubblica Amministrazione Dirigenti e Funzionari ,Ditte, Società, Consorzi e similari che vivono di incertezze, senza garanzie e senza tutele.

A questa dovuta riflessione, che mette a fuoco il momento che la sicurezza e la socialità sta vivendo, deve fare seguito l’azione.

Dobbiamo continuare a lottare come abbiamo fatto fino ad adesso, perché solo la partecipazione di massa può invertire la rotta.

Ci diranno che non serve a niente, ci derideranno, agli occhi di chi non sa guardare oltre, potremo apparire dei folli; non importa, la storia ci ha dato ragione, in passato, come nel presente: lo straordinario obbligatorio cancellato dal contratto ne è un esempio.

Oggi, che sia il giorno della riflessione e del fare, perché la Salute ,la qualità della vita e la sicurezza pubblica torni ad essere un valore assoluto, e che il lavoro in Italia torni ad essere un valore da difendere.
BUON PRIMO MAGGIO , MA NOI DEL CO.S.P. GIA’ STIAMO PENSANDO AL GIORNO 31 MAGGIO 2019 CON LO SCIOPERO GERENALE DELLE GUARDIE CAMPESTRE DI TRANI SOTTO IL PALAZZO DEL GOVERNO DELLA PREFETTURA DI BARLETTA!italia costituzionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *