pappalardo e mastrulli

SULL’ASSASSINIO DEL MARESCIALLO DEI CC, E IL FERIMENTO DELL’APPUNTATO DEI CC, INTERVENGONO IL LEADER DEL COSP MASTRULLI – CONGIUNTAMENTE AL GENERALE DEI CARABINIERI ANTONIO PAPPALARDO

                                                                                COMUNICATO STAMPA

MASTRULLI (CO.S.P.)  SU OMICIDIO MARESCIALLO DEI CARABINERI E FERIMENTO DI ALTRO CARABINIERE  A CAGNANO VARANO IN PROVINCIA DI  FOGGIA.

                “ ADESSO  IL  VERO COLPEVOLE MERITA  CARCERE DURO E CERTEZZA DELLA PENA”

                                    Oggi hanno ammazzato Vincenzo, un fratello, un figlio, un maresciallo maggiore dei Carabinieri. Quando ho appreso la terribile notizia – commenta MASTRULLI –  ero  a B ari presso  Hotel Sala  Excelsior  Congressi con il  Generale dottor Antonio PAPPALARDO  in Assemblea Generale dei Cittadini Civili e Militari con  tutti i delegati del COCER Difesa, una grande giornata d libertà e di democrazia per i Militari.

Presenti  in Assemblea Generale Sindacale dei cittadini e Uomini delle Forze dell’Ordine,quasi un centinaio di partecipanti . Ero proprio lì, con quei ragazzi , uomini e donne che ogni giorno rischiano la vita, in strada, per garantire la nostra sicurezza. Il maresciallo maggiore Vincenzo Carlo Di Gennaro, 46 anni, è morto qualche ora fa in servizio nella piazza di Cagnano Varano (FG) nel paese dove lavorava presso la locale Stazione dei Carabinieri come Vicecomandante. L’assassino ha estratto una pistola in occasione di un controllo e ha sparato ferendo anche un altro Carabiniere, al quale vanno i nostri  auguri di pronta guarigione. Ci accerteremo noi due  personalmente  Domenico Mastrulli e Antonio Pappalardo già Generale di brigata dell’Arma dei Carabinieri che l’assassino sconti il massimo della pena prevista! E come abbiamo segnalato  all’inizio proprio in compagnia di diversi Carabinieri,Polizia di Stato, Poliziotti Penitenziari e cittadini comuni ma delle  Istituzioni civili e democratiche ho appreso con profondo dolore la notizia della morte di Vincenzo, servitore dello Stato, Carabinieri che, come tutti gli appartenenti alle Forze armate, oltre a giurare fedeltà alla Repubblica e ad osservare Costituzione e Leggi dello Stato, ha messo la sua stessa vita a disposizione di tutti. IN quella sede a Bari oggi abbiamo discusso delle condizioni di lavoro, delle loro paghe basse stipendiali, del riordino delle carriere e del sistema pensionistico ma abbiamo affrontato (Mastrulli e Pappalardo) il  fenomeno crescente dei suicidi tra le forze dell’ordine e l’alto numero dei suicidi ari,abbiamo  fatto un minuto di silenzio commemorando il nostro amico e commilitone ammazzato per servire il Paese.

Costui – continuano Mastrulli e Pappalardo –  potrà riflettere sul dolore che ha causato con le sue efferate azioni criminali e trovare degno ricovero  in un carcere  dove festeggerà i suoi futuri compleanni fino all’ultimo.  Questo il commento del segretario nazionale della Federazione Sindacale del  Coordinamento Sindacale Penitenziario Domenico Mastrulli   e del Generale Antonio PAPPALARDO alla notizia dell’arresto avvenuto poco dopo  l’assassinio . “Finalmente – aggiunge in una nota il leader del sindacato autonomo – si potrà concretizzare quell’atto di giustizia dovuto alle vittime del suo crimine e alle loro famiglie costrette a un ‘fine pena mai’ e a tutti gli appartenenti alle forze dell’ordine che non di rado sacrificano la loro vita per adempiere al difficile compito di contrasto alla violenza e verso ogni forma di prevaricazione”.  – aggiunge Mastrulli –  auspichiamo per l’assassino l’apertura delle patrie galere con il giusto regime di detenzione, un regime rigido come  altrettanto rigida è stata la barbara uccisione del maresciallo.  Il segretario del sindacato di polizia penitenziaria nel rivolgere il plauso ai colleghi delle forze dell’ordine per l’immediato arresto e per il duro lavoro quotidiano che svolgono. “Prima o poi – conclude il segretario del Co.S.P. – giunge il momento di pagare il conto e di non potersi sottrarre ai debiti con la giustizia ”.

Ufficio Stampa Nazionale  FS Co.S.P.   335 5435878

COSP NOTA MASTRULLI sull’assassinio del maresciallo e del ferimento del collega carabiniere

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *