tribunali scorte

TRIBUNALI E PALAZZI DI GIUSTIZIA: IL CO.S.P. INTERVIENE SULL’UTILIZZO DELLA POLIZIA PENITENZIARIA

COMUNICATO STAMPA 

COSP DICHIARAZIONI SEGRETARIO NAZIONALE MASTRULLI

Si riporta di seguito una nota del segretario nazionale del Coordinamento sindacale penitenziario Domenico Mastrulli: “La Federazione Sindacale CO.S.P. concorda con  l’iniziativa di mantenere momentaneamente le diverse centinaia di unità di polizia penitenziaria a presidio dei palazzi di giustizia, del personale di scorta a magistrati, dirigenti ed ex ministri purché si tratti di soluzione transitoria e limitata nell’arco massimo di 60 giorni. Ciò in considerazione  delle gravi e ineludibili criticità presenti quotidianamente nei 160 istituti di pena italiani. La polizia penitenziaria che per dotazione organica dovrebbe essere composta da 46mila unità, ad oggi è di appena 34mila unità. I turni di lavoro nei penitenziari sono aumentati oltre misura fino a 12 ore e in questa tragica situazione si registra anche una crescita delle assenze del personale pari al 15 per cento  a seguito dei numerosi episodi di violenza che si verificano con cadenza quasi quotidiana ai danni degli operatori della sicurezza attraverso minacce, aggressioni e lesioni personali. I suicidi registrano un incremento del 2 per cento rispetto agli anni precedenti. Riteniamo come sindacato che siano necessari provvedimenti concreti e tra questi il reclutamento straordinario di 5mila nuove unità, lo scorrimento delle graduatorie vigenti dal 2010 al 2018  per 3mila unità, provvedimenti che diano serenità lavorativa e migliorino la qualità della vita dei nostri lavoratori. In Italia i Provveditorati dovrebbero transitare sotto le dipendenze e il controllo dei prefetti come prevede la Legge 121. Tutto il resto ci sembra un grande spot pubblicitario, nonostante da tempo chiediamo di essere ascoltati dal ministro e dai vari sottosegretari. Prendiamo tristemente atto che forse il loro sguardo è più rivolto al mondo dei detenuti che quello di chi nei penitenziari ci lavora e si sacrifica.

Ufficio Stampa Nazionale Co.s.p.

Onofrio D’Alesio

333 4033789

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *