trani

CARCERI IN PUGLIA, CO.S.P.: “LA MATTANZA CONTINUA”

COMUNICATO STAMPA
CARCERI IN PUGLIA, CO.S.P.: “LA MATTANZA CONTINUA”


Sono stati giorni di fuoco nelle carceri pugliesi e lucane dove è risaputo che il numero di detenuti va ben oltre i 2mila 400 posti disponibili. Se a questa cifra si aggiungono anche i detenuti affetti da patologie psichiatriche (ex OPG) le cui condizioni di salute non sono conformi al regime ordinario carcerario, ma piuttosto agli  Ospedali Giudiziari o REMS istituite nel 2008, il problema emerge in tutta la sua gravità.  Da Lecce a Trani, da Melfi a Potenza, in questi ultimi giorni la cronaca si è arricchita di altri gravi episodi tra agenti aggrediti, minacciati e feriti. L’ultimo episodio si segnala nel carcere di Trani ad opera di un recluso di origini foggiane che ha brutalmente malmenato un agente penitenziario finiti in ospedale con 5 giorni di prognosi. Ma ancor prima a Lecce dove i detenuti, soprattutto quelli psichiatrici, sono insofferenti al regime carcerario (un tentativo di suicidio sventato dagli agenti penitenziari). Assistiamo quotidianamente ad una vera e propria mattanza, nonostante la Commissione preposta sia stata inviata nei penitenziari per “ascoltare” i  detenuti e il personale di polizia. “In questa Italia dei penitenziari  – scrive in una nota il segretario nazionale del Co.s.p. Mastrulli –  il carnefice (detenuto aggressore)  continua a rimenere impunito mentre la vittima (il poliziotto) ricorre alle cure dei sanitari”. “Insistiamo – conclude Mastrulli – nella nostra richiesta di sostituzione degli attuali Provveditori con i Prefetti delle relative Province dove sono collocate le carceri”.

Ufficio Stampa Nazionale

Onofrio D’Alesio

333 4033789

CS COSP CARCERI LA MATTANZA CONTINUA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *