Carcere-Gorizia-300x225

CARCERE GORIZIA,STRUTTURA DA CHIUDERE ANTIECONOMICA : A DICHIARARLO DOMENICO MASTRULLI LEADER DEL CO.S.P.

CARCERI, CO.S.P. MASTRULLI: “A GORIZIA STRUTTURA DA CHIUDERE

“Una struttura antieconomica al cui interno si consumano gravi inadempienze contrattuali con turni di lavoro massacranti, oltre al cumulo di ore di straordinario non pagate e ferie arretrate. Ci sarebbero tutti i presupposti per chiudere una struttura penitenziaria, quale quella di Gorizia, che così messa si trasforma solo in uno sperpero di denaro pubblico”. E’ il commento del segretario generale nazionale del Coordinamento sindacale penitenziario Domenico Mastrulli in riferimento alle condizioni in cui versa la casa circondariale friulana. Le cifre snocciolate dal leader del sindacato autonomo di polizia penitenziaria vanno oltre disegnando un quadro altrettanto allarmante: “Nel carcere ci sono unità di polizia penitenziaria che lavorano ininterrottamente per 12 ore mentre si registra un arretrato a dir poco scandaloso, 21 agenti avrebbero maturato 800 giornate di congedo ordinario mentre nel penitenziario c’è chi programma lavori di ampliamento previsti nel prossimo anno. E tutto questo sforzo – sottolinea Mastrulli – per vigilare su 40 detenuti”. “Anche per il carcere di Gorizia, come altre situazioni segnalate dal Co.s.p., sarebbe sufficiente applicare la legge Severino che prevede la chiusura di strutture con una presenza inferiore alle 100 unità detentive. In questo modo si eviterebbe lo stillicidio di risorse, agenti penitenziari costretti a fare la vita dei reclusi, mancanza di personale civile e costi che inevitabilmente ricadono sulle tasche dei contribuenti”. “Sarebbe il caso che alla luce di situazioni così grottesche il ministro si interroghi sulle condizioni di quel carcere e soprattutto di chi quel carcere lo mal amministra in assenza di provvedimenti che oltre a prevedere l’istituzione di nuovi reparti, andrebbe comunque al di sotto delle cento unità detentive. “Chi sta pagando il prezzo più alto – aggiunge il segretario provinciale del Co.s.p. di Trieste Giovanni Russo – non può che essere la polizia penitenziaria.

 

Ufficio Stampa Nazionale Co.s.p.

Onofrio D’Alesio

333 4033789CS COSP CARCERE GORIZIA INTERVENTO MASTRULLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *