antennasud

PUGLIA CARCERE DI LECCE, ANCORA AGGRESSIONI E AL PRAP BARI PUGLIA E BASILICATA I RNFORZI VENGONO INVIATI A TRIBUNALE E PER TAX AI DIENDENTI TRIBUNALI E PER SITO WEB – LA DENUNCIA DEL COSP AL SOTTOSEGRETARIO ALLA GIUSTIZIA MORRONE

CO.S.P. CARCERE DI LECCE, AGENTE FERITO DURANTE COLLUTAZIONE FRA DETENUTI  

“Ancora una dimostrazione di scarsa attenzione verso la sicurezza e la tutela dei poliziotti in servizio nelle carceri pugliesi. Solo ieri nel penitenziario di Borgo San Nicola a Lecce un agente è rimasto ferito, riportando lesioni ed escoriazioni guaribili in 4 giorni, nel tentativo di separare due reclusi mentre si picchiavano”. A dare la notizia è il segretario nazionale del Coordinamento sindacale penitenziario Domenico Mastrulli.  “E’ l’ennesimo episodio – afferma Mastrulli – che va ad aggiungersi alla lunga lista di aggressioni che con frequenza quasi quotidiana si consumano nelle nostre prigioni”. “In Italia – aggiunge Mastrulli – si contano oltre 2mila casi e inevitabilmente a pagare il prezzo più alto sono gli operatori della polizia penitenziaria ai quali viene affidato il controllo e la sicurezza di interi settori dei penitenziari”.  “Nessuno fino a questo momento si pone il problema del perché Il Corpo della polizia penitenziaria paga un prezzo così alto anche  termini di suicidi: 127 nell’arco di una decina di anni ma con una preoccupante crescita negli ultimi tempi”.  “La cronica carenza di personale e le scarsissime risorse finanziarie necessarie a riformare l’intero sistema carcerario italiano – conclude il segretario nazionale del sindacato autonomo –  sono solo alcuni degli aspetti  più critici. Il sindacato è convinto della necessità che il controllo e la sicurezza delle carceri debba essere affidato al Dipartimento dell’interno e torni in capo ai prefetti”.

Ufficio Stampa Nazionale Co.s.p.

Onofrio D’Alesio

333 4033 789

CS COSP AGENTE FERITO NEL CARCERE DI LECCE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *